Weekend a Timisoara: cosa fare, cosa vedere e dove mangiare

Cosa vedere a Timisoara in tre giorni? Sono tante le persone che, dopo il mio ritorno da questo viaggio, mi hanno fatto questa domanda.

Del resto, non tutti conoscono la città rumena in questione e, pertanto, è tanto facile incuriosirsi quanto fare delle domande in merito al cosa fare, cosa vedere, dove mangiare. Insomma, le classiche curiosità che un po’ tutti hanno.

Parto con il dire che sono stata a Timisoara a Maggio 2018. Tre giorni alla scoperta della città rumena e delle sue tradizioni. Ecco cosa ho, anzi cosa abbiamo fatto.

Qualche notizia su Timisoara

L’idea di andare a Timisoara è nata all’improvviso. Eravamo alla ricerca di voli low cost e, dopo aver aperto il sito Wizz Air, abbiamo trovato l’offerta a poco più di 30 euro e l’abbiamo presa al volo! L’aeroporto di partenza è stato quello di Bari e molto spesso si trovano delle offerte di questo tipo che, secondo me, sono da cogliere così da scoprire città nuove e molto economiche.

Timisoara si trova nella zona occidentale della Romania, non troppo lontana dal confine serbo. Ha circa 300.000 abitanti ed è famosa per essere un centro universitario frequentato anche da tantissimi studenti italiani. Proprio a tal proposito, devo sottolineare il fatto che Timisoara sia un coacervo di culture e un esempio di convivenza pacifica. Qui ci sono diverse comunità etniche, grazie anche alla vicinanza alla Serbia e all’Ungheria. Lo si capisce e lo si nota anche camminando per strada: si trovano delle cattedrali ortodosse e, girando l’angolo, delle sinagoghe, ma lo si intuisce anche guardando e ascoltando la gente per strada. Possibile, quindi, notare la presenza di italiani, ma anche serbi, ungheresi e bulgari. Un vero e proprio melting pot culturale, che ha fatto crescere e ha dato una bella identità alla città!

Tante culture, tanti stili e questa è una delle cose che mi è maggiormente piaciuta di questa città. Ti avviso del fatto che è abbastanza piccolina e che un weekend è più che sufficiente per visitare tutto.

Cosa vedere a Timisoara

Partiamo dalle piazze, che sono uno dei simboli della città rumena. Le tre piazze più caratteristiche sono Piața  Unirii, Piața  Victoriei Piața Libertăţii. Sono tutte vicine e ci si arriva tranquillamente anche a piedi. Il centro città, infatti, è abbastanza raccolto e noi abbiamo camminato sempre a piedi o usufruendo del servizio Uber. 

La piazza centrale, e anche la più bella, è Piața Unirii. Arrivandoci non si può che rimanere a bocca aperta, perché è molto caratteristica. Qui si ammirano la cattedrale di San Giorgio, che è di confessione cattolica, la Cattedrale serbo-ortodossa e il Palazzo Barocco. Questa piazza è il simbolo dell’unità nazionale, così come suggerisce il nome, nonché il posto in cui le truppe rumene si sono fermate in seguito alla liberazione dal dominio asburgico.

Anche Piața  Victoriei è molto caratteristica, se non fosse per la sovrabbondanza di piccioni (ho una vera e propria fobia).

Qui si trovano anche una serie di localini e negozi molto interessanti. Spoiler alert: la birra costa meno dell’acqua!

Come si scorge in foto, alla fine della piazza c’è quello che per me è uno degli scorci più belli della città, con la stupenda Cattedrale Metropolitana Ortodossa. Una vera chicca da vedere anche all’interno!

Passeggiare per le vie del centro è estremamente piacevole, così come lo è il sedersi nei vari bar e localini che si trovano nelle piazze centrali. Qui l’aria è rilassata, i prezzi sono bassissimi e ci gode il paesaggio e la calma.

Cosa mangiare e bere a Timisoara

Partiamo dal concetto che a me la cucina rumena piace e anche tanto. Già a Bucarest avevo avuto modo di assaggiare alcune pietanze tipiche e di innamorarmene.  Tuttavia, il locale che consiglio è una sorta di ristorante “fusion”, dato che fonde tradizione rumena e serba.

Il ristorante in questione si chiama Dinar e si trova in una zona residenziale della città. Nonostante questo, lo abbiamo trovato abbastanza semplicemente. Il locale è estremamente caratteristico ed è molto bello (anche da instagrammare).

Buon appetito

A post shared by Serena👫🛫🍣❤ (@sere_tripandlove) on

Abbiamo mangiato tantissima carne, tanti contorni, bevuto birra in abbondanza e il conto è stato di 60 euro, da dividere in 3. Un rapporto qualità prezzo sconvolgente! Inoltre, abbiamo assaggiato la pljeskavica, questo ottimo hamburger serbo che ricorderò per sempre. 10 e lode!

Una nota di merito va anche data alla birra del posto, la famosa Timisoreana, una pale lager leggera e beverina, che accompagna molto bene i cibi rumeni.

Come spostarsi dall’aeroporto al centro città

L’aeroporto di Timisoara non è estremamente distante dal centro città. La soluzione per la quale abbiamo optato, e che ti consiglio, è stata Uber. Ci sono anche diversi taxi che si trovano proprio nella zona arrivi e che ti portano in centro a prezzi abbastanza contenuti.

L’aeroporto non è grande e non è molto fornito, ma è stato comunque piacevole anche l’attesa per il volo di ritorno.

Io ti consiglio di andare a visitare questa piccola città, anche nota come la  Vienna della Romania. Del resto è economica e perfetta per un city break. Perché non cogliere l’occasione?

 

8 Risposte a “Weekend a Timisoara: cosa fare, cosa vedere e dove mangiare”

  1. La Romania è uno di quei luoghi che vorrei scoprire di più. Sono stata solo a Bucarest per il momento e vorrei proprio conoscere i posti più periferici o le città importanti proprio come Timisoara.

    1. Te lo consiglio. Di certo tornerò in Romania a scoprire altre città come Cluj o Sighisoara, ad esempio.

  2. La Romania è per me ancora territorio inesplorato, ma ne sento sempre parlare bene da chi la visita. Timisoara sembra una città molto bella e interessante, devo iniziare a tenere anch’io d’occhio le offerte aeree 😛

  3. I viaggi di Ciopilla dice: Rispondi

    La Romania è un paese che amiche e conoscenti mi parlano spesso ed è una meta che conosco poco ma che mi piacerebbe veramente approfondire a breve. I tuoi consigli mi saranno di grande aiuto e ti ringrazio per questo

  4. La Romania è un Paese che mi incuriosisce molto perfetto per una vacanza low cost. Il tuo racconto e le tue foto mi hanno fatto venire voglia di esplorare Timisoara, una città davvero affascinante.

    1. Proprio in questi giorni mi è rivenuta voglia di andare in Romania. Una nazione dalle mille sorprese. Quando sono partita la prima volta per Bucarest ero molto scettica…e invece! Tornerei anche oggi, soprattutto per mangiare i papanasi 😀

  5. Cavoli, la Romania pare davvero sottovalutata… è una di quelle mete che, se la si sente nominare, è solo per via di Bucarest.. Invece grazie per avermi fatto riflettere sul fatto che non è tutto lì, che bisognerebbe andare più in profondità. Questa cittadina mi ispira proprio!

    1. Hai perfettamente ragione. Si tratta di una bella nazione, da conoscere sia per il cibo che per l’accoglienza, oltre che per le bellezze naturali e architettoniche. Una chicca.

Lascia un commento