0

Guida completa: cosa vedere a Lecce in due giorni

cosa vedere a Lecce

Lecce, gioiello del barocco nel cuore del Salento, è una città che incanta visitatori da tutto il mondo con il suo straordinario patrimonio storico e culturale. Conosciuta come la “Firenze del Sud”, Lecce offre un viaggio indimenticabile attraverso arte, storia e gastronomia, tutto da scoprire in soli due giorni.

In primis: Dove soggiornare a Lecce?

Se si sta cercando un luogo dove soggiornare a Lecce, c’è una vasta gamma di opzioni tra cui scegliere. Che siate in cerca di un’esperienza di lusso in un antico palazzo o preferiate la comodità di un’accogliente pensione nel centro storico, Lecce offre soluzioni per tutti i gusti e le esigenze.

Ci si può immergere nell’atmosfera del centro storico, optando per un affascinante bed and breakfast situato tra le strette stradine lastricate e le maestose facciate barocche. Qui si potrà godere della tranquillità dei cortili interni e della vicinanza alle principali attrazioni della città, come la celebre Piazza del Duomo e il suggestivo Anfiteatro Romano.

Per coloro che prediligono un soggiorno più moderno e confortevole, ci sono diverse strutture alberghiere nel cuore della città, tra cui Eos Hotel Lecce, dotate di tutti i comfort e servizi necessari per un piacevole soggiorno. Si potrà scegliere tra hotel boutique elegantemente arredati e alberghi a cinque stelle con piscine panoramiche e ristoranti gourmet.

Per una soluzione a contatto con la natura, nei Comuni limitrofi, si possono trovare agriturismi e masserie ristrutturate, dove potrete assaporare la vera essenza della vita rurale salentina, tra uliveti secolari e vigneti.

Giorno 1: Alla scoperta delle meraviglie storiche di Lecce

L’avventura a Lecce inizia immergendosi immediatamente nel suo elemento predominante: il barocco leccese.

La Basilica di Santa Croce è il punto di partenza perfetto per questo viaggio, con la sua facciata riccamente decorata che rappresenta una delle massime espressioni dell’arte barocca. Questa chiesa non è solo un luogo di culto, ma anche un simbolo dell’identità culturale di Lecce, dove ogni dettaglio scultoreo racconta storie di fede e arte. 

Passeggiando, si va verso Piazza Sant’Oronzo. Qui oltre ad un mosaico pavimentale che raffigura il simbolo di Lecce, la Colonna di Sant’Oronzo, si può ammirare l’Anfiteatro Romano.

Nascosto fino al XX secolo sotto le costruzioni moderne, offre una finestra unica sulla vita quotidiana dell’antica Lecce romana. La sua capacità di ospitare migliaia di spettatori per gli spettacoli pubblici testimonia l’importanza strategica e culturale di Lecce nell’antichità.

Pomeriggio – Arte e cultura

Il pomeriggio si apre con la visita della maestosa Piazza del Duomo, un capolavoro di urbanistica barocca che colpisce per la sua luminosità e per l’armonia delle costruzioni che la circondano. Il Duomo di Lecce, con il suo campanile alto 70 metri, domina la piazza e invita alla scoperta dei suoi interni riccamente decorati.

Camminando per circa 10 minuti si arriva al Castello di Carlo V, una fortezza rinascimentale che testimonia il passaggio della città sotto il dominio spagnolo, offre un interessante contrasto con il barocco leccese. Il castello, con le sue sale espositive e le sue mura imponenti, racconta storie di difesa, arte e ingegneria militare, offrendo spesso mostre temporanee di arte contemporanea. 

Sera – Assaporare la cucina tipica leccese

Dopo una giornata di esplorazione culturale, la serata invita a scoprire un altro aspetto fondamentale della vita leccese: la gastronomia. La cucina tipica leccese, con le sue radici nella tradizione contadina e influenze mediterranee, offre una varietà di sapori e ricette che soddisfano ogni palato. Osteria del Tempo Perso e Trattoria Le Zie, selezionati tra i migliori ristoranti da TripAdvisor, sono il luogo ideale per assaporare piatti come la puccia leccese, il rustico, o le orecchiette con le cime di rapa in un ambiente accogliente e genuino. Queste esperienze culinarie non solo deliziano il gusto ma aprono anche una finestra sulla cultura e le tradizioni locali.

Giorno 2: Tra natura, arte e gastronomia

La seconda giornata inizia con una visita al Parco Naturale Regionale Bosco e Paludi di Rauccio, un’oasi verde ideale per gli amanti della natura e delle passeggiate all’aria aperta, che racchiude al suo interno anche siti archeologici di notevole interesse.

Pomeriggio – Itinerario artistico e culturale

Il Museo Faggiano, una scoperta accidentale divenuta un museo privato, offre uno sguardo unico sulla stratificazione storica di Lecce, con reperti che risalgono fino alla Magna Grecia. Nei dintorni si trova la Chiesa di San Matteo, con la sua facciata concava e le sue opere d’arte interne, rappresenta un altro gioiello del barocco leccese.

Dopo aver esplorato il Museo Faggiano e la Chiesa di San Matteo, il pomeriggio prosegue con una passeggiata lungo i vicoli del centro storico, dove ogni angolo rivela un pezzo di storia e ogni facciata nasconde una storia da raccontare. Non perdere la possibilità di visitare le botteghe artigiane locali, dove l’arte della cartapesta viene tramandata di generazione in generazione, offrendo souvenir unici e autentici.

Sera – Eventi culturali e vita notturna

Lecce si anima di sera con eventi culturali che spaziano dalla musica dal vivo alle rappresentazioni teatrali, particolarmente nei mesi estivi. La vita notturna offre diverse opzioni, dalle enoteche come Vini & Distillati Angelo ai locali più alla moda, dove assaporare un buon vino o un cocktail dopo cena.

Per concludere al meglio i due giorni a Lecce, la serata offre l’opportunità di immergersi nella cultura locale attraverso gli eventi che animano la città. Che si tratti di un concerto in una delle piazze storiche o di una mostra d’arte contemporanea in uno degli spazi espositivi, Lecce sa come incantare i suoi visitatori anche di sera. Per chi desidera prolungare la notte, i locali del centro storico offrono musica dal vivo e atmosfere accoglienti fino a tarda ora.Lecce, con il suo incantevole mix di storia, arte e natura, si conferma una destinazione imperdibile nel panorama turistico italiano. Questa guida di due giorni ha cercato di catturare l’essenza della città, ma Lecce ha molto altro da offrire. Ogni visita può rivelare nuovi tesori, nuove storie e nuove delizie culinarie. Che si sia alla ricerca di bellezza artistica, di tranquillità naturale o di vivaci esperienze culturali, Lecce saprà sempre come sorprendervi e accogliervi a braccia aperte.

Foto copertina: Foto di Olga Angelucci su Unsplash

TripAndLove

Classe 1983, scrivo sul web da quando non era di moda. Amante del blogging, dei social e dei viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *