0

Cosa vedere a Venezia in un weekend

Cosa vedere a Venezia in un weekend guida

Se ti stai chiedendo cosa vedere a Venezia in un weekend, probabilmente hai pensato a un viaggio romantico o a 2 giorni da passare alla scoperta della Serenissima.

Di sicuro Venezia è una delle mete italiane più gettonate, amata in tutto il mondo. Con le sue strade d’acqua, i suoi storici palazzi e le sue romantiche gondole, questa è una destinazione da sogno per chiunque.

La Serenissima offre un’esperienza unica, con la sua affascinante architettura, la sua ricca storia e la sua atmosfera magica.

Ma cosa vedere a Venezia in un weekend? Ecco un itinerario su misura per un soggiorno di due giorni nella città lagunare, che ti permetterà di assaporare il meglio di questa affascinante città.

Che tu sia un appassionato d’arte, un amante della storia o semplicemente alla ricerca di un’esperienza indimenticabile, ti guideremo attraverso le strade e i canali di Venezia per aiutarti a scoprire le sue meraviglie nascoste.

Scoprire Venezia: un po’ di storia

Venezia, una città dalle origini misteriose e dall’incredibile potenza, è nota come una delle città più affascinanti e uniche del mondo.

Le sue radici risalgono all’anno 421, quando la città fu fondata da rifugiati in fuga dalle invasioni barbariche che devastavano l’Italia.

Questi ultimi si stabilirono nelle isole della Laguna Veneta, un luogo umido e paludoso, dove iniziarono a costruire la loro nuova casa su pali di legno conficcati nel terreno.

Questa scelta si rivelò decisamente geniale, poiché non solo offriva protezione dalle invasioni, ma permetteva anche lo sviluppo di una fiorente industria marittima.

Col passare dei secoli, Venezia crebbe in potenza e prosperità, diventando un centro di commercio e di cultura che attraeva mercanti e artisti da tutto il mondo.

La Serenissima Repubblica di Venezia fu una delle repubbliche mercantili più longeve della storia, che durò oltre un millennio.

Sotto la guida dei suoi dogi, la città divenne un impero marittimo, estendendo il suo controllo su vaste aree del Mediterraneo. Venezia era al centro delle rotte commerciali tra Oriente e Occidente, accumulando immense ricchezze.

La città divenne anche un crogiolo di culture e idee. Artisti come Tiziano, Tintoretto e Canaletto contribuirono a rendere Venezia una delle capitali artistiche d’Europa. Venezia, però, è nota anche per Marco Polo, che raccontò storie affascinanti di esotici viaggi, per Galileo Galilei e per molte altre illustri personalità.

Ma non tutto fu rose e fiori. Venezia dovette affrontare numerose sfide, tra cui invasioni, epidemie e disastri naturali.

Nel XVIII secolo fortuna di Venezia iniziò a scemare con l’ascesa di nuove potenze europee e con la scoperta di nuove rotte commerciali. Nel 1797, Venezia cadde nelle mani di Napoleone Bonaparte, segnando la fine della Serenissima Repubblica.

Tuttavia, la città ha continuato a fiorire come centro di cultura e turismo. Oggi, Venezia è una delle destinazioni turistiche più popolari del mondo, attirando milioni di visitatori ogni anno con i suoi canali, i suoi palazzi storici e la sua atmosfera unica.

Cosa vedere a Venezia in due giorni: itinerario

Ecco un itinerario pensato per visitare Venezia in un weekend. Abbiamo pensato proprio a tutto: prendi carta e penna.

Ponte della Paglia
Inizia la tua avventura veneziana dal Ponte della Paglia, una vista panoramica che spesso viene tralasciata. Da qui, puoi ammirare il famoso Ponte dei Sospiri e il Palazzo Ducale, due icone di Venezia. Prenditi un momento per scattare foto memorabili con il Canal Grande come sfondo.

Ponte dei Sospiri

Il Ponte dei Sospiri è uno dei luoghi più iconici e romantici di Venezia. Si tratta di un ponte coperto in stile barocco, costruito nel 1600, che collega il Palazzo Ducale con l’antica prigione, il Palazzo delle Prigioni. Questo ponte in pietra calcarea bianca, finemente decorato con archi e finestre a bifora, è uno degli esempi più raffinati dell’architettura veneziana.

Cosa farai quando sarai a Venezia?

La sua fama è in parte dovuta al nome evocativo, che porta alla mente immagini di innamorati sospiranti. Tuttavia, la realtà dietro il nome è molto meno romantica. Il ponte era utilizzato per trasportare i prigionieri dalle sale del tribunale nel Palazzo Ducale alle celle della prigione. Si dice che il nome derivi dai sospiri dei prigionieri che gettavano uno sguardo all’esterno prima di essere rinchiusi nelle loro celle buie e umide.

Palazzo Ducale

Situato accanto alla Basilica in Piazza San Marco, il Palazzo Ducale è stato per secoli il centro del potere politico e amministrativo della Serenissima Repubblica di Venezia. Questo straordinario palazzo gotico fu la residenza ufficiale dei Dogi e ospitò importanti funzionari di governo, ambasciatori e dignitari stranieri.

Venne costruito a partire dal IX secolo e subì diverse modifiche e ampliamenti nei secoli successivi. Il palazzo è famoso per la sua architettura unica, che combina elementi gotici e rinascimentali. La facciata principale, rivolta verso la laguna, è caratterizzata da una serie di archi a sesto acuto e colonne sottili che creano un effetto di leggerezza e grazia.

Le pareti esterne sono decorate con marmi rosa e bianchi, che creano un affascinante gioco di colori.

L’interno del Palazzo Ducale è altrettanto spettacolare. Il palazzo ospita una serie di magnifiche sale, decorate con affreschi e opere d’arte di artisti famosi come Tintoretto, Veronese e Tiziano.

Il Palazzo Ducale è anche famoso per il suo sistema di prigioni, noto come Piombi, che si trovava sotto il tetto di piombo del palazzo stesso. Queste celle erano note per essere particolarmente fredde d’inverno e calde d’estate. Uno dei prigionieri più famosi fu il celebre avventuriero e scrittore Giacomo Casanova, che riuscì a evadere in modo spettacolare nel 1756.

Oggi, il Palazzo Ducale è un museo aperto al pubblico, che offre ai visitatori l’opportunità di esplorare le magnifiche sale e scoprire la storia e la cultura di Venezia. Il palazzo ospita anche mostre temporanee e eventi culturali, rendendolo un punto di riferimento per gli appassionati d’arte e di storia.

Piazza San Marco e Basilica di San Marco

Piazza San Marco è la piazza principale di Venezia, nota anche come Il salotto d’Europa. In tanti la descrivono come una delle piazze più belle del mondo, circondata da edifici storici tra cui la Basilica di San Marco, il Palazzo Ducale e il Campanile di San Marco.

La piazza è un punto di riferimento per i turisti e ospita numerosi eventi culturali, come il famoso Carnevale di Venezia.

La Basilica di San Marco è uno dei capolavori dell’architettura bizantina e fu costruita nel IX secolo per ospitare le reliquie di San Marco, il patrono di Venezia.

La basilica è famosa per la sua splendida facciata, decorata con mosaici dorati che raffigurano scene della vita di Cristo e di San Marco. L’interno della basilica è altrettanto impressionante, con soffitti a mosaico e pavimenti in marmo a intarsio.

La Basilica di San Marco è anche nota per i suoi tesori, che includono reliquie sacre, icone e opere d’arte. Tra i tesori più famosi ci sono i Cavalli di San Marco, quattro statue equestri in bronzo dorato che un tempo decoravano l’ippodromo di Costantinopoli. Questi cavalli furono portati a Venezia come bottino di guerra nel 1204, dopo la conquista di Costantinopoli durante la Quarta Crociata.

Biblioteca Nazionale Marciana
A pochi passi da Piazza San Marco, troverai la Biblioteca Nazionale Marciana, una delle biblioteche più antiche d’Italia. L’edificio rinascimentale, progettato dall’architetto Jacopo Sansovino, ospita una vasta collezione di manoscritti antichi e carte geografiche. Qui puoi immergerti nella storia e nella cultura di Venezia.

Cannaregio e Ghetto Ebraico
Esplora anche il quartiere di Cannaregio, lontano dalle rotte turistiche più battute. Visita il Ghetto Ebraico, uno dei più antichi d’Europa, e scopri la storia e la cultura della comunità ebraica a Venezia. Le sinagoghe storiche e il Museo Ebraico offrono un’esperienza culturale unica.

Chiesa di Santa Maria dei Miracoli
Prosegui il tuo tour con una visita alla Chiesa di Santa Maria dei Miracoli, un gioiello rinascimentale nascosto nel cuore di Venezia. La sua facciata in marmo e l’interno riccamente decorato sono un vero piacere per gli occhi. Scopri la storia di questa chiesa e ammira le opere d’arte conservate al suo interno.

Arsenale di Venezia
Concludi il tuo itinerario con una visita all’Arsenale di Venezia, l’antico cantiere navale e centro industriale della Repubblica di Venezia. Oggi, l’Arsenale ospita mostre d’arte e eventi durante la Biennale di Venezia. Scopri la storia e l’importanza di questo luogo nell’evoluzione di Venezia come potenza marittima.

Foto copertina di canmandawe su Unsplash

TripAndLove

Classe 1983, scrivo sul web da quando non era di moda. Amante del blogging, dei social e dei viaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.