Supplemento trolley Ryanair e Wizzair: Antitrust blocca tutto

Supplemento trolley Ryanair e Wizzair

In questi giorni si è parlato molto del supplemento trolley Ryanair e Wizzair. Le due compagnie low cost, infatti, hanno modificato la loro policy bagagli a mano e da ieri, 1° Novembre 2018, sarebbe dovuto entrare in vigore proprio il supplemento in questione.

Ma cosa è successo? Ne hanno parlato tutti i tg e ne abbiamo letto ovunque: l’Antitrust ha bloccato il tutto, dichiarando che le due compagnie aeree non hanno il diritto di far pagare tale supplemento.

A questo punto, però, si deve fare un po’ di chiarezza dato che la situazione non è molto chiara e c’è un po’ di confusione, del tutto legittima.

La nuova policy sui bagagli Wizzair e Ryanair al momento è sospesa. Vediamo nel dettaglio cosa sta succedendo e perché. Cercheremo anche di capire insieme come comportarsi e se sia possibile, o meno, richiedere un supplemento.

Supplemento trolley Ryanair e Wizzair illegittimo

L’Antitrust ha dichiarato illegittimo il supplemento trolley Ryanair e Wizzair e ha bloccato l’entrata in vigore della nuova policy bagagli delle due compagnie.
Il perché di questa decisione è chiaro: per l’Antitrust il bagaglio a mano è indispensabile per chi viaggia ed è inammissibile che ci sia sullo stesso un supplemento di prezzo. Inoltre, il viaggiatore ha il diritto a portare i suoi effetti personali con sé e lo zainetto accettato a bordo con la nuova politica delle due low cost sui bagagli risulta essere del tutto insufficiente.

Ma non solo: l’Antitrust ha altresì sottolineato che, in questo modo, si ha una “falsa rappresentazione del reale prezzo del biglietto” e questo non permette di mettere a confronto le varie tariffe. Il consumatore, quindi, viene indotto in errore. Anche le giustificazioni delle compagnie a supporto di questa scelta sono state definite come “inadeguate”.

Per questi motivi di cui sopra, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) ha deciso di sospendere, con effetto immediato, la nuova policy bagagli e il cosiddetto supplemento trolley Ryanair e Wizzair. Il blocco è valido da ieri, ossia dal giorno in cui dovevano entrare in vigore le nuove regole.

Le compagnie interessate non hanno preso bene la decisione dell’Agcm. Il vettore irlandese, infatti, ha dichiarato che la nuova policy dovrebbe essere considerata a vantaggio del viaggiatore. Perché? Perché, sempre secondo Ryanair, in questo modo si andrebbero a evitare i ritardi dei voli. Stessa motivazione ha dato Wizzair, che ha aggiunto che la modifica della policy è stata richiesta dell’autorità ungherese.

L’Antitrust, però, ha ritenuto inconsistenti queste giustificazioni. Ecco, quindi, che è importante capire cosa effettivamente accadrà!

Chi ha già prenotato un volo, pagando il supplemento, avrà diritto a un rimborso? Questa è la domanda a cui rispondere per cercare di fare chiarezza e per aiutare i viaggiatori a capire in che modo comportarsi.

Supplemento trolley Ryanair e Wizzair: come chiedere il rimborso

Il Codacons ha dichiarato che le cifre pagate dai viaggiatori come supplemento devono essere restituite. Inoltre, è stato rimarcato il fatto che il procedimento dell’Antitrust era attivo già da metà Ottobre e che erano stati dati alle due compagnie aeree 9 giorni di tempo al fine di produrre delle memorie difensive. Queste ultime, come detto in precedenza, sono state respinte!

Per il garante si tratta di pratica scorretta ed è per questo motivo che il Codacons si è espresso a favore della decisione presa. Questa è stata definita clamorosa e a favore dei viaggiatori. Ora, secondo l’associazione consumatori, le due compagnie hanno l’obbligo di restituire in maniera integrale quello che i viaggiatori hanno pagato come supplemento. Da sempre, del resto, il Codacons vigila sul rispetto dei diritti dei viaggiatori e, pertanto, si dice pronto a dare battaglia!

Staremo a vedere cosa accadrà e come sarà possibile richiedere il rimborso. Al momento, le compagnie sono intenzionate a fare ricorso.

Lascia un commento